Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le notizie nella tua casella di posta e per ottenere sconti sui nostri servizi! Qui trovi l'informativa.

Scrivere

Scrivere superando l’insicurezza

Ti è capitato di sederti davanti al computer — o comunque alla scrivania — e sentirti assalire da dubbi e insicurezze? Stiamo parlando di pensieri distruttivi di questo genere: “Ma in fondo sarò in grado di scrivere quello che vorrei? Ma cosa posso dire, io, che non sia già stato detto almeno mille volte? E poi chi sono io, per scrivere un buon libro?”.

Non è eccesso di etica, o sana autocritica. È mera insicurezza; qualcosa di radicato nel profondo; una spinta con la quale è opportuno interloquire.

(altro…)

Scrivere dovrebbe essere una gioia

Una volta, alcuni anni fa, un docente di drammaturgia ci parlò della scrittura — in termini ironici — come di un atto sostanzialmente masturbatorio. Può darsi che avesse ragione, almeno in parte; ma per molti di noi la scrittura è soprattutto fatica. Una fatica bestiale. Sofferenza. Sudore. Qualcuno parla addirittura di vomitare e buttare sangue.

gioiaPensare alla scrittura come a un’azione estremamente complessa e faticosa può essere tra le ragioni che conducono molti di noi ad abbandonare l’opera prima di completarla, o addirittura di iniziarla.

(altro…)

Perché vuoi scrivere questo libro?

La cosiddetta regola delle 5 W (Five Ws in inglese) è la regola principale dello stile giornalistico anglosassone. Le cinque W stanno per: Who? («Chi?»), What? («Cosa?»), When? («Quando?»), Where? («Dove?»), Why? («Perché?»). Sono considerate i punti irrinunciabili che devono essere presenti nella prima frase (l’attacco o lead) di ogni articolo, come risposta alle probabili domande del lettore che si accinge a leggere il pezzo.

Perché vuoi scrivere questo libro? Un tipo indeciso
Così dice Wikipedia. Proviamo a spostarci dalla scrittura di un articolo a quella di un libro, e a immaginare cinque domande che potremmo porci prima di metterci all’opera. Rispondere ci aiuterà a fare chiarezza, ci indurrà inoltre a utilizzare al meglio il nostro tempo e — soprattutto — ci porterà a scrivere un libro migliore.

(altro…)

Superare il blocco dello scrittore: tre consigli pratici

La settimana scorsa un’aspirante scrittrice ci ha inviato il suo romanzo. Nel complesso ne era soddisfatta, ma sospettava che avesse bisogno di essere lavorato ancora un po’ e cercava qualcuno che la aiutasse, che sottoponesse il testo a un editing di sviluppo.

blocco scrittoreAbbiamo letto il testo, l’abbiamo chiamata e le abbiamo dato il nostro parere: in effetti ci pareva che alcuni aspetti di scrittura avrebbero potuto essere approfonditi, e le abbiamo detto quali. La sua risposta ci ha lasciate di stucco.

(altro…)

Perché scrivere? Perché è un miracolo

Ognuno di noi ha una ragione diversa per scrivere, e tutte (ovviamente) sono valide. Proviamo a parlare piuttosto di motivazioni: non tanto, quindi, di ciò che spiega o giustifica razionalmente l’atto di scrivere, quanto di quello stato interno che attiva, dirige e mantiene nel tempo l’azione della scrittura.

scriverePiù o meno tutti, quando si tratta di scrivere, ci ritroviamo di fronte a diversi ostacoli, interni ed esterni. Talvolta non riusciamo a trovare il tempo; talvolta siamo più inclini a svalutarci, a criticare i nostri errori, che ad apprezzare quanto di buono siamo in grado di fare. Se sei capitato/a su questa pagina, forse hai bisogno di mettere a fuoco la tua motivazione. E’ così?

(altro…)

Non ti prometto il successo

Che cos’è il successo, per chi scrive? Che cos’è il successo, nel selfpublishing? Versione italiana di questo articolo del collega spagnolo Alejandro Capparelli, fondatore di Edición libro indie, con il quale abbiamo un rapporto di partnership.

successoIl titolo di questo post può sembrare poco adatto a un sito che si occupa di promozione editoriale: il raggiungimento del successo dovrebb’essere il nostro obiettivo. Ma il mondo che circonda l’autopubblicazione si sta affollando di incoraggiamenti a seguire determinate regole per convertire un libro in un bestseller o per raggiungere i più alti ranking su Amazon; solitamente la proposta viene anche accompagnata dalla promessa di riuscirci in tempi brevi.

Mi sembra importante difendere un punto di vista diverso.

(altro…)

Scrivere a quattro mani: pro e contro dell’avere un coautore

Ti hanno chiesto di scrivere un libro a quattro mani? Oppure, al contrario, immagini che un tuo progetto di scrittura trarrebbe vantaggi dalla collaborazione con un coautore, con una coautrice? Scrivere a quattro mani può essere una buona idea, in effetti, può essere anche molto divertente, ma non di rado succede che i coautori finiscano a fare… come cane e gatto.

Avere un coautore: cane e gatto

Ci sono modi di evitare che sorgano conflitti tra coautori. Prima di parlarne, però, chiariamo cosa NON si intende per scrittura a quattro mani. Diciamo che tu hai già pubblicato e che le tue capacità hanno ottenuto riconoscimenti, e che un bel giorno ti si presenta un tale il quale dichiara di avere un’idea meravigliosa per un libro: gli serve “solo” una persona qualificata per “scriverlo insieme” — ma in realtà è abbastanza chiaro che il grosso del lavoro dovresti farlo tu. Questi connubi non funzionano quasi mai. Spesso non riescono neppure a instaurarsi; il più delle volte s’interrompono dopo un po’, in modo sgradevole. Perché la scrittura a quattro mani possa funzionare, occorre che ognuno faccia la sua parte.

(altro…)

Scrivere: Hit Parade del 2015

Buongiorno e buon anno a tutti! Le vacanze ormai sono finite, il 2016 è iniziato non da molto e allora abbiamo pensato di aprire il nuovo anno con la nostra Hit Parade… 😉 una panoramica sui nostri articoli in tema di scrittura, pubblicazione e promozione: quelli che, sulla base del numero di visualizzazioni, sono stati giudicati più utili negli ultimi 12 mesi.

parade

  1. Il più letto in assoluto è Come organizzare una serata di presentazione per un libro. Di successo. Hai un libro in uscita, quest’anno? Prova a darci un’occhiata!
  2. Al secondo posto, Sì, dovresti scrivere. Oggi più che mai. Se uno dei tuoi progetti, per il 2016, riguarda la scrittura di un libro che hai sempre rinviato, questo è il post che fa per te…
  3. Segue Intervista con Stefano Cerboni, autore di “Velista per sbaglio”. Stefano è uno dei nostri autori, che abbiamo assistito nella creazione e promozione del suo libro elettronico (tra non molto anche cartaceo). Se stai pensando di lanciarti in un’impresa simile, sapere com’è andata nel suo caso può esserti d’aiuto.
  4. Al quarto posto, Autopubblicarsi o cercare un editore? Molte considerazioni e nessuna risposta. Perché la risposta ce l’hai solo tu.
  5. Infine, sullo stesso argomento, Autopubblicazione contro editoria a pagamento contro editoria tradizionale. Una panoramica che si propone di essere pratica e oggettiva. Se nel 2016 intendi perseguire un progetto concreto di pubblicazione, e ti stai chiedendo “come” procedere, potresti dare un’occhiata a entrambi i post.

Ancora buon anno e buona scrittura! 🙂 A presto!