Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le notizie nella tua casella di posta e per ottenere sconti sui nostri servizi! Qui trovi l'informativa.

Scrivere con precisione e catturare il lettore

Nuove teorie del romanzo vengono escogitate di continuo. Ma la regola di base è: mantieni la mia attenzione. […] Il tuo obiettivo, come scrittore, è far si che il tuo lettore continui a credere nella tua storia, anche se entrambi sapete che si tratta di finzione.

Scrivere con precisione: una lente d'ingrandimento

Così afferma Margaret Atwood nel video di presentazione del suo corso di scrittura online (in inglese; volendo con sottotitoli, sempre in inglese).

(altro…)

Nuova carrellata di premi letterari

Nella nostra casella di posta continuano a fioccare copiosi i comunicati stampa relativi a premi letterari, con preghiera di pubblicazione e diffusione. Abbiamo quindi deciso di presentarvene alcuni altri — fermo restando che questa presentazione non costituisce un “endorsement” e che per le informazioni specifiche e dettagliate occorre consultare i siti e i bandi relativi.

Premi letterari | La scrivania dello scrittore

(altro…)

A proposito del punto esclamativo

Alcuni degli autori che abbiamo aiutato nel processo di scrittura, pubblicazione e promozione dei loro libri amano moltissimo i punti esclamativi. Li mettono dappertutto. Ne mettono anche due, tre, cinque di fila alla fine di una parola o di una frase.

Punto esclamativo: rappresentazione grafica

Esistono forme di scrittura nelle quali il punto esclamativo è più che ben accetto: la scrittura per il web, ad esempio. Anche in questo sito si trovano non pochi punti esclamativi. Quando si tratta di marketing, poi (Entra nel gruppo! Ascolta le tracce! Scopri di più!) gli esperti ne incoraggiano addirittura l’uso. Anche in alcuni tipi di email, come quelle nelle quali si richiede un colloquio, spruzzare il testo di un paio di punti esclamativi può comunicare al nostro interlocutore un senso di entusiasmo.

(altro…)

Buona estate 2018!

Anche quest’anno è arrivato il momento di salutarci e darci appuntamento a quando l’estate, e la calura, saranno solo un ricordo: da oggi, e fino a metà settembre, le attività di Scrittura a tutto tondo saranno molto rallentate. Le linee telefoniche non sono attive; se vuoi puoi mandarci una email, oppure contattarci tramite il modulo apposito. Cercheremo di risponderti tempestivamente.

Buona estate | Illustrazione marina

Nel frattempo, se vuoi trovare suggerimenti utili a chi scrive e desidera farlo sempre meglio, naviga nel blog: ci sono numerosi articoli che si occupano di scrittura e che offrono consigli e trucchi nell’ambito dei media sociali e della promozione in generale. I più letti in assoluto sono Come organizzare una serata di presentazione per un libro, Come scrivere la biografia dell’autore e La prefazione di un libro: come scriverla. Ti auguriamo di trascorrere un’estate scintillante di creatività! 🙂

«La Saga», libro in spagnolo di Percival Bono

Percival Bono - LA SAGA - copertinaCon vivo piacere annunciamo l’uscita di un nuovo libro curato dal nostro gruppo di lavoro. Si tratta di un memoir in lingua spagnola: La Saga. Memorias de cinco continentes di Percival Bono, pubblicato in versione cartacea e disponibile su Amazon.

L’autore è il figlio di un personaggio politico del passato: l’antifascista italiano Ettore Quaglierini (1893-1953), noto anche come Pablo Bono, che dovette abbandonare l’Italia a seguito di un assalto subito dai fascisti e trascorse buona parte della vita in Paesi di lingua spagnola. Ebbe incarichi politici in America Latina e partecipò alla Guerra di Spagna; solo nel secondo dopoguerra poté rientrare in Italia, per collaborare con la rivista Rinascita e la Fondazione Gramsci (su Wikipedia trovate altre informazioni). Percival Bono, dunque, il figlio, la cui vita è stata non meno avventurosa, si esprime più agevolmente in spagnolo che in italiano e ha deciso che era arrivato il momento di raccontare, con questo libro, la sua versione dei fatti.

(altro…)

Carrellata di concorsi letterari

Fioccano i concorsi letterari anche e soprattutto durante la stagione estiva. Nella nostra casella di posta approdano spesso comunicati stampa di premi relativi alla scrittura, con preghiera di pubblicazione e diffusione.

Abbiamo quindi deciso di presentarvi alcuni concorsi letterari prossimi alla data di scadenza per la presentazione delle opere — fermo restando che questa presentazione non costituisce un “endorsement” e che per le informazioni specifiche occorre consultare i siti e i bandi relativi.

(altro…)

eBook gratuito: «Scritto e… mangiato»

Scritto e... mangiato | La copertina dell'eBookSiamo davvero liete di annunciare che è appena uscito — ed è liberamente scaricabile, perché gratuitoSì, è proprio gratis! — un nuovo libro elettronico realizzato dal nostro gruppo di lavoro: Scritto e… mangiato. Racconti di vita e di sapori, a cura di Brigitte Cordes e Antonio Trimarco.

Nel 2011 la Biblioteca romana di Corviale, ora intitolata a Renato Nicolini, indisse un premio letterario dedicato al racconto breve — anzi, brevissimo: il racconto Bonsai — sul tema del mangiar bene e del rapporto tra il cibo e i valori, gli affetti e la tradizione. Ne venne fuori questo libro, pubblicato allora solo in versione cartacea: comprendeva il racconto vincitore, le menzioni speciali, i racconti finalisti, alcuni racconti di scrittori amici della biblioteca nonché un’appendice di gustose ricette.

Antonio Trimarco, oggi responsabile del coordinamento delle attività di Biblioteche di Roma con la scuola e l’Università, era allora il responsabile di quella Biblioteca e ha curato, insieme a Brigitte Cordes — coordinatrice del Circolo di Lettura — la pubblicazione del libro. È stato lui a chiederci di realizzare questa nuova edizione digitale, che Biblioteche di Roma mette a disposizione come risorsa gratuita: perché il lavoro delle biblioteche “consiste anche nel dar voce ad una cultura popolare diffusa, e mantenerla come memoria per tutti”.

(altro…)

Twitter per scrittori: ecco la guida

Le agenzie letterarie e le case editrici, quando valutano un libro per decidere se rappresentarlo o pubblicarlo, tendono a prendere in considerazione anche la presenza in rete di chi lo ha scritto. Se una scrittrice, uno scrittore, è attiva/o su Internet e in particolare sui media sociali, è oggettivamente più probabile che il suo libro ottenga un buon riscontro.

Twitter per scrittori: Shakespeare accanto all'icona del media sociale

Le persone con le quali tu, che scrivi, entri in contatto, e stabilisci relazioni, presumibilmente consiglieranno la lettura del tuo libro. Dal punto di vista della casa editrice, la presenza dell’autore sui media sociali rappresenta una potenzialità di diffusione virale che va ad aggiungersi al lavoro promozionale dell’ufficio marketing e dell’ufficio stampa. Anche gli autori auto-pubblicati possono trarre grande beneficio dalla costruzione di una piattaforma ampia e coinvolta.

(altro…)