La radice quadrata dell'uno per cento | La copertinaSiamo felicissime di annunciare la pubblicazione de La radice quadrata dell’uno per cento, romanzo d’esordio di Nicoletta Capone: un appassionante giallo dai contenuti spirituali, come lo definiscono su Amazon i lettori che l’hanno già recensito — e in modo molto positivo!

L’autrice, Nicoletta Capone, è nata a Napoli e vive a Roma. È psicologa clinica, sceneggiatrice e si definisce un’esploratrice della coscienza umana. È co-traduttrice di Viaggi nell’ignoto: esplorando l’Aldilà di Bruce A. Moen. La radice quadrata dell’uno per cento (anzi, √1%, come lei preferisce sia scritto) è il suo primo romanzo.

Per questo libro abbiamo realizzato una copertina che, non ve lo nascondiamo, ci piace molto. Come sempre si è costituito un gruppo di lavoro attorno alla sua concezione, a un’estremità del quale si trovava la grafica Valentina Marinacci e all’altro la stessa autrice, che aveva le idee piuttosto chiare su quale voleva fosse la veste del suo libro.

Inoltre abbiamo realizzato l’impaginato per la stampa: se ne è occupata Oriana Corsi, realizzando un layout molto curato, e in armonia con la grafica della copertina. Abbiamo inoltre dato il nostro supporto nella scelta della strada migliore per giungere alla pubblicazione: la versione cartacea si può ordinare su Amazon e anche su Giunti al Punto.

Prezzo: EUR 12,05
Da: EUR 13,52

Nel complesso questo libro ci ha impegnate parecchio, ma ci ha dato molta soddisfazione — e i risultati che sta ottenendo ce ne danno ancora di più! È stata creata anche una pagina Facebook dedicata al romanzo, sulla quale vengono pubblicati contenuti multimediali che riguardano la trama. Data la natura particolare di questo libro, difficilmente classificabile come un “giallo” puro e semplice, vi invitiamo senz’altro a darci un’occhiata.

Così recita la quarta di copertina:

Quando la figlia Chicca si suicida, per il commissario Sergio Sansevero è un duro colpo. Ma ben presto l’uomo scopre che in questa dolorosa vicenda l’apparenza inganna e più di qualcosa non torna. Tra misteriosi tatuaggi, catene di eventi inspiegabili e gruppi segreti che combattono per realizzare un ambizioso progetto su scala mondiale, il commissario Sansevero rischierà la follia per scoprire quale sia la verità su Chicca e quale il confine della realtà conosciuta. E allora la vera domanda, per lui e per noi, sarà: quanto siamo disposti a dubitare di ciò in cui abbiamo sempre creduto, quanto siamo disposti a credere nell’impossibile?

In conclusione, sul principio di questo mese di aprile che sembra ancor più pazzerello del marzo che l’ha preceduto, non possiamo che invitarvi a fare un viaggio tra i misteriosi meandri della psiche umana in compagnia di questo romanzo!

Hai qualcosa da aggiungere?