Ogni volta che ci troviamo a discutere un lavoro, ci ritroviamo anche a disquisire di cartelle editoriali. E’ necessario, perché la cartella editoriale è un’unità di misura, in base alla quale si stabiliscono i costi di alcuni servizi (e la dimensione dei libri).

Illustrazione - donna alla macchina da scrivere. Cartella editorialeIn rete trovate spiegazioni complicate e inutili relative al numero di battute per riga, e persino modelli di cartelle editoriali da scaricare. Lasciate perdere! E’ roba vecchia, legata al tempo in cui non esistevano i computer, si utilizzava la macchina da scrivere e ci si intendeva un po’ a spanne, in base alla quantità di testo che entrava in una pagina dattiloscritta. Le macchine da scrivere, tra l’altro, avevano un solo e unico font in un solo e unico corpo.

Oggi ne esistono migliaia, e ovviamente la quantità di testo che entra in una pagina cambia sensibilmente in ragione del font e del corpo. Ma poi, veramente vogliamo parlare di “pagine”? Oggi che non è nemmeno necessario stampare i flussi di testo per rileggerli, correggerli, rielaborarli?

Prima di tutto, per piacere, BASTA con il termine “battute”. Che è un termine equivoco e desueto. Equivoco perché alcuni lo intendono come caratteri del testo, altri come caratteri spazi inclusi. Desueto perché oggi non è strettamente necessario “battere” su una tastiera per produrre un testo. Vi sono programmi che trascrivono sotto dettatura — utilissimi, peraltro, per tutti coloro che incontrano difficoltà nella digitazione.

Utilizziamo invece i termini CARATTERI SPAZI INCLUSI, familiari a chiunque utilizzi con un minimo di cognizione un programma di scrittura. Qualunque sia il vostro programma preferito (Word, Open Office, Libre Office, Pages, Scrivener e chi più ne ha più ne metta), da qualche parte c’è sicuramente la funzione del conteggio delle parole delle quali si compone il testo.

1 cartella editoriale = 1.800 caratteri spazi inclusi

Aprite il file, quindi, e andate alla ricerca dello strumento “conteggio parole” e in particolare della dicitura Caratteri spazi inclusi. Segnatevi la cifra che compare al suo fianco. Dividetela per 1.800 e avrete il numero di cartelle editoriali delle quali si compone il vostro testo; quasi certamente ci saranno dei decimali, quindi arrotondate aggiungendo una cartella.

Esempio. Il brevissimo testo di questa pagina si compone di 2.457 caratteri spazi inclusi.
2.457 : 1.800 = 1,36.
DUE cartelle editoriali.
Facile, no?


Immagine di apertura: Stephen Day @ Flickr Creative Commons.

Hai qualcosa da aggiungere?