Ancora a proposito della sintesi di un libro: stavolta ci occuperemo in modo specifico della cosiddetta quarta di copertina, ovvero della succinta descrizione che compare in alcuni casi, appunto, sulla quarta, in altri sulla bandella o aletta (nei libri con sovraccoperta). E che in ogni caso, anche in quello dei libri elettronici, appare sui siti di vendita ed è quindi il primo testo che il potenziale lettore ha sott’occhio, e in base al quale decide se sfogliare l’anteprima e poi procedere con l’ordine.

La quarta di copertina: un libro e una mano che lo acchiappa!

Insomma, accanto al titolo e alla copertina, la quarta di copertina è l’elemento più importante nel determinare l’immediata appetibilità di un libro di qualunque genere. Il suo scopo è trasformare il distratto navigante in un lettore, e se non lo raggiunge… forse, caro autore, la tua “quarta” possiede una o più di queste caratteristiche:

  • contiene link al tuo sito, o ad altri siti. Questa è una cosa da evitare in ogni caso, perché indurrà il navigante ad abbandonare il negozio online e girellare altrove (del resto, i grandi negozi online rendono inattivi i link che si trovano nelle sinossi dei libri).
  • si compone di lunghi, lunghissimi paragrafi senza “a capo”. Questo ne rende difficoltosa la lettura; non dimenticare che il navigante vuol farsi molto rapidamente un’idea di quel che ha davanti. Se ordinerà il tuo libro lo leggerà con calma, stanne certo/a; ma decide se ordinarlo con molta, molta meno calma.
  • parla troppo di te. Il potenziale lettore vuole qualcosa di utile per sé, non per la tua persona. Dovresti parlare di te nella biografia dell’autore, non nella sinossi.

Queste sono le caratteristiche principali che una buona quarta di copertina dovrebbe possedere:

  • interessante — deve motivare le persone a leggere il libro
  • facile da leggere — sarebbe meglio evitare le proposizioni complesse; quelle teniamole da parte per il libro
  • orientata — deve rivolgersi alla specifica fascia di lettori alla quale il libro è rivolto e adattarsi a essa sia nei contenuti, sia nella forma (la “quarta” di un trattato di fisica quantistica sarà assai diversa da quella di un romanzo rosa, ovviamente).

Alcuni suggerimenti specifici relativi alle opere di narrativa:

  • la prima frase dovrebbe portarci nel cuore del dramma. Ricorda: la prima frase è la più importante dell’intera “quarta”
  • occorre far seguire a questo incipit un sunto coinvolgente della trama, del conflitto e una presentazione dei personaggi principali
  • se il tuo romanzo ha vinto un premio, menzionalo; se ha ottenuto recensioni positive, citale
  • potresti anche inserire un breve passaggio del testo. È un modo per dimostrare che il libro è ben scritto e per suscitare l’interesse del potenziale lettore
  • potresti inserire un riferimento a noti scrittori, o libri, ai quali ti sei ispirato/a; è un buon modo di definire il genere del libro e accostare il tuo nome a quello dei grandi. Esempio: Se vi piacciono i thriller di Xxxx Xxxx, amerete questo romanzo e non riuscirete a staccarvene. Oppure: Questo romanzo è stato scritto nello spirito di Xxxx Xxxx…
  • potresti anche inserire nella “quarta” un invito diretto all’acquisto. Esempio: Ordina una copia di XXX e lasciati trasportare nella Londra del quarto millennio!

Alcuni suggerimenti relativi alle opere di non-narrativa:

  • definisci il problema principale che il tuo testo si propone di risolvere, magari attraverso una domanda diretta. Porre una domanda è un buon modo di coinvolgere il lettore, perché la sua mente — che gli piaccia o no — tenderà a cercare una risposta. Vuoi vedere in che modo? (Ecco, l’ho appena fatto). Giusto un esempio: Vuoi smettere, finalmente, di fumare e non provare mai più il desiderio di riprendere?
  • esponi brevemente e chiaramente il modo nel quale il tuo libro risolve il problema. Quali vantaggi ne trarrà chi lo leggerà? Potresti utilizzare, per definirli, un elenco puntato.
  • anche qui, potresti inserire un invito diretto ad acquistare il libro: Ordina una copia di XXX e smetti di fumare oggi stesso!
  • potresti aggiungere una nota personale dell’autore, che espone le ragioni per le quali hai scritto questo libro
  • elenca sempre eventuali premi ricevuti e recensioni positive uscite in contesti di rilievo.

Naturalmente, è buona norma studiare le quarte di copertina dei libri di successo che appartengono al genere del tuo: va’ in libreria, estrai dagli scaffali questi libri e studia il modo in cui sono descritti. Inoltre, potresti ispirarti alle recensioni dei lettori sui siti di vendita: che cosa essi apprezzano, che cosa invece criticano? Utilizza queste informazioni nella descrizione del tuo libro.

Uno dei servizi che offriamo è appunto la redazione della quarta di copertina: hai bisogno di aiuto? Contattaci!

Hai qualcosa da aggiungere?